Il grifone sul cielo di Anfield

Genoa 1990-1991

Genoa 1990-1991

Il Genoa è una società di calcio gloriosa e storica, forse la più importante tra le squadre italiane poichè la più antica, nata nel lontano il 1893.

Oggi, per il secondo anno consecutivo, rischia la retrocessione in serie B, trovandosi al terzultimo posto a soli 17 punti. Il tecnico Davide Ballardini ha sostituito da poche ore Luigi Delneri, esonerato dopo la sconfitta in campionato in casa contro il Catania. Nel 2012 il Genoa ha cambiato ben cinque allenatori. 

I grifoni possono vantare ben 9 campionati vinti  (l’ultimo nel 1923-1924) ed una coppa Italia. Diverse invece sono state le retrocessioni in più di cento dieci anni di storia, ma i tifosi rossoblù e gli appassionati di calcio non potranno mai dimenticare quel Genoa tragato anni ’90 che faceva sognare tutta l’Italia. Anche grazie ai cugini doriani, vincitori di un campionato nella stagione 1990-1991, il capoluogo Ligure “parlava” di calcio ancora più di Torino e Roma, duellando con la Milano rossonera che, in Italia come in Europa, in quel periodo, lasciava solo briciole agli avversari. Nella stagione 1990-1991 il Genoa riuscì a conquistare la quarta posizione in campionato, ma l’anno successivo, in Europa arrivò in semifinale di Coppa Uefa perdendo contro l’Ajax. Pur senza ingaggiare grandi nomi, grazie a Bagnoli, il tecnico che vinse lo scudetto con il Verona nel 1984-1985, il Genoa, riebbe dopo anni, una fisionomia tecnico-tattica solida e spettacolare.
Con la difesa imperniata sul libero Signorini, il centrocampo affidato alle geometrie di Bortolazzi e alle incursioni di fascia di Eranio e Ruotolo da una parte e Branco dall’altra, con l’attacco micidiale del gigante Skuhravy complementare al piccolo e guizzante Aguilera, i rossoblu si piazzarono a uno storico quarto posto, anticamera della prima, storica partecipazione alla Coppa Uefa. L’anno dopo, la cavalcata in Europa assunse toni epici, ben sintetizzati dalla vittoria sul Liverpool nella tana di Anfield Road, per arrestarsi solo in semifinale di fronte allo strapotere dell’Ajax di Bergkamp e Litmanen destinato al successo finale.

Sicuramente di quella coppa Uefa targata 1991-1992, i tifosi genoani ricorderanno con profonda nostalgia (soprattutto oggi) la gara disputata contro il Liverpool vinta sia in casa che in trasferta. Il 4 marzo 1992 si disputò l’andata allo stadio Luigi Ferraris, che i liguri vinsero per 2 a 0 con le reti di Fiorin e Branco. Ma il 18 marzo il Genoa realizzò l’impresa: regalò un sogno ai propri tifosi espugnando l’Anfield vincendo per due reti a uno. Aguilera realizzò una doppietta magica per una notte ancor più magica. La formazione che affrontò il Liverpool in quei quarti di finale di ritorno si schierò così:

Braglia, Torrente, Branco, Eranio, Collovati, Signorini, Ruotolo, Bortolazzi, Aguilera (Caricola dal 40′ della ripresa), Skuhravy, Onorati (Fiorin dal 33′ della ripresa). All. Bagnoli.

Quella stessa settimana, i grifoni rossoblù, giocarono il derby pareggiando 2 a 2 per poi partire alla volta di Liverpool, accompagnati da 4.000 sostenitori. Il Genoa ci mette 27 minuti per sgonfiare il Liverpool. Una manovra ad ampio raggio, suggerita da Onorati e rifinita da Ruotolo che fornisce ad Aguilera un ghiotto spiraglio: il diagonale dell’uruguagio è di quelli che non perdonano. Il Liverpool si butta sotto con la bava alla bocca. Rush, di testa, sorprende Braglia in seguito ad un corner di Barnes e pareggia momentaneamente.Verso la porta del Genoa piove di tutto ma Braglia sventa su Jones e Rush e Barnes. Sembra sul punto di capitolare, la squadra di Bagnoli, e invece, al 72′, estrae dal cilindro un contropiede da manuale: da Skuhravy a Eranio che avanza palla al piede e smista ad Aguilera che infila dal cuore dell’area.

Come detto precedentemente, il Genoa si arrese in semifinale contro l’Aiax perdendo in casa 2 a 3 e pareggiando ad Amsterdam 1  a 1. Gli olandesi, vincitori di quell’edizione, sconfissero anche il Torino, battutto proprio in finale dopo che i granata, guidati da un altro grande tecnico italiano, Emiliano Mondonico, riuscirono ad eliminare il Real Madrid in semifinale.

Chi ama il calcio comprenderà sicuramente che sono le partite come quella giocata nel mitico stadio Anfield Road che ti fanno innamorare, perdere letteralmente la testa per questo gioco bellissimo. Non solo i tifosi genoani,ma anche gli amanti del bel calcio, quel giorno tifarono per il Genoa (inglesi e doriani apparte). Una formazione che in quei primi anni ’90 fece sognare la Genova rossoblù e che mai più regalò emozioni simili, nonostante il bel gioco espresso anche dalla squadra nel periodo Gasperini. Oggi, con lo spettro della retrocessione, il ricordo di quello storico quarto di finale, non può che far scendere una lacrimuccia sul volto di ogni tifoso genoano, che spera un giorno possa rinascere un grifone che voli in alto come quello del grande mister Osvaldo Bagnoli.

Aguilera -Skuhravy - Branco. Il grande Genoa anni '90

I tre tenori: Aguilera – Skuhravy – Branco. Il grande Genoa anni ’90

The 12thman

Annunci

6 commenti

Archiviato in Articoli, Sfide

6 risposte a “Il grifone sul cielo di Anfield

  1. Me la ricordo bene quella partita del Genoa. Come mi ricordo, con mio sommo dispiacimento la doppia finale contro l’Ajax, del Toro…. ah quei tre maledetti legni di Amsterdam!!!

  2. Ti ringrazio per questo bellissimo post! Gli attuali nostri “giocatori” non sarebbero degni neanche di pulire le scarpe a questi undici grandi che hanno fatto la storia del Vecchio Grifone!
    Forza Genoa!
    ps: davvero un bel blog, complimenti! 😉

  3. umberto

    bellissimo commento…sono stati momenti memorabili…una correzione…contro l’ajax al ritorno finì 1 -1 e il genoa andò in vantaggio con un gol di Maurizio Iorio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...